Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 21 dicembre 2011

Cristoforo

Tumblr_lv6cok8erj1r22s0fo1_500_large


Il suo nome era Cristoforo, ma tutti i suoi compagni lo chiamavano 'Piuma' per le sue forme rotonde che lo facevano somigliare più ad un bimbo disegnato da Botero che ad un angioletto uscito dal raffinato pennello di un pittore rinascimentale. Però Cristoforo era davvero un angelo: un piccolo angelo con i ricci d'oro e le guance rosse come una mela delizia. Gli altri angioletti si dilettavano a burlarsi di lui proprio per il suo peso corporeo, o per meglio dire, incorporeo. In effetti, Piuma era sempre l'ultimo ad acciuffare le nuvole, quando gli angeli facevano a gara, perchè il suo volo era lento e 'rasoterra'. Direte voi: impossibile, non si è mai visto un angelo che non sa volare. Povero Cristoforo, questo era il suo cruccio. Vedeva gli altri suoi fratelli planare leggeri nell'aria, volteggiare intorno alle costellazioni e lui? Niente..... nonostante i suoi innumerevoli sforzi proprio non ci riusciva. E seduto in cima alle catene nuvolose, non passava giorno che non si interrogasse su quale fosse la propria missione, lo scopo per il quale era stato creato.
Ma arrivò un giorno in cui tutti i nuovi angeli furono convocati dal Padre Supremo per ricevere al cospetto degli angeli più anziani l'investitura dei loro uffici. Era un momento estremamente importante per la crescita di un angelo, un po' come quando si battezza con la spada un cavaliere.
Per primo fu chiamato Michele, un angelo splendente dalle ali snelle e bellissime. "Michele, da questo momento in poi, tu sarai il custode delle stelle: avrai cura di svegliarle la notte e di vigilare sul loro brillare. Inoltre ti occuperai del pensionamento di quelle più anziane che hanno esaurito la loro energia e che la notte potranno cominciare a riposarsi". All'udire quelle parole, Michele si riempì d'orgoglio e spiegate le sue bellissime ali bianche, si librandò nell'aria, volteggiando radioso. Piuma, al contrario, si stringeva nelle spalle, sicuro che per lui non ci sarebbe stato alcun nobile compito da svolgere. Poi, fu la volta di Elia, un altro angelo bellissimo e dalle ali perfettamente proporzionate. A costui il Signore dette il compito di voltare le pagine del Gran libro delle Stagioni, mentre Gabriele, un angelo che si distingueva per il suo volo velocissimo ed elegante, avrebbe fatto girare su se stessa la Terra. Furono, poi, assegnate altre funzioni tutte degne di nota: da quella di ripiegare il passato, srotolare il presente ed intrecciare il futuro, a quella di accordare il suono delle onde con i venti ed il suono di questi, a loro volta, con il canto degli uccelli e con tutti i versi del mondo animale, a quello di scegliere e dosare l'aroma dei fiori ed i sapore dei frutti, e così un'infinità di altri compiti tutti essenziali per la vita del creato furono affidati agli angeli più belli, finché non giunse il turno di Piuma. Gli altri angeli, specialmente quelli più anziani seduti a semicerchio vicino alla costellazione della Bilancia, si guardarono con espressione interrogativa non sapendo spiegarsi quale missione restasse ancora, senza che fosse già stata affidata al proprio titolare.
Ma il Signore si avvicinò a Piuma e, guardandolo amorevolmente, gli rivolse queste parole: 'Cristoforo, il tuo compito è già nel tuo nome; per questo compito non importa saper volare in alto, ma al contrario possedere un cuore grande e saper camminare: tu, infatti, sarai l'angelo che per primo avrà in custodia l'essere più prezioso che ho creato, ma un essere leggero come una 'piuma' e talmente fragile che più volte rischierà di cadere e farsi del male, così da aver bisogno ad ogni suo passo di un paio di ali'.



3 commenti:

  1. Mirtillina cara, ti ho trovata!!! ciao cara, ti auguro buon Natale a te e famiglia*
    baci

    RispondiElimina
  2. Forse ora riesco a commentare, ci ho provato tante volte ma non ci sono mai riuscita.
    Auguri di buon Natale a te e ai tuoi cari. Ciao

    RispondiElimina
  3. Onestamente, non mi ricordo come ho fatto a fare una intestazione personalizzata del blog. Provando e riprovando (perchè all'inizio non riuscivo a fare niente, neanche a commentare) sono arrivata ad una pagina dove mi si diceva di scegliere un'immagine per il template e io ho messo quella.
    Rinnovo gli auguri. Ciao

    RispondiElimina