Si è verificato un errore nel gadget

sabato 19 novembre 2011

Racconto terrestre o notte di S. Lorenzo vista dalle stelle


« Ero giunto a quel livello di emozione dove si incontrano le sensazioni celesti date dalle arti ed i sentimenti appassionati. Uscendo da Santa Croce, ebbi un battito del cuore, la vita per me si era inaridita, camminavo temendo di cadere. »
(Stendhal - Henri-Marie Beyle)

Il mondo è la pista da ballo del cielo e le stelle cadenti non sono proprio cadenti, è che svengono nell'accorgersi quanta bellezza è quaggiù, e non solo tra di loro negli spazi sconfinati, come invece pensano superbe.
Così la notte di San Lorenzo, è la notte in cui si registra il maggior svenimento astrale, perchè le stelle vedono la terra nel suo massimo splendore. Allora, ogni forma di vita perde rigidità, diventando rotonda e piena di  nettare. Il calore si mischia all'ossigeno dell'aria carezzandola finchè questa si addormenta come dopo un'anestesia di piacere e d'abbandono. Lo zefiro scende a vegliare timido su di lei, cullata da una dolce ninna nanna. E questo calore si diffonde sui sensi, facendo innamorare i frutti della terra, quelli che crescono sopra e sotto gli alberi, fino a farli struggere di emozioni, sfacciate fino al nocciolo e laggiù fino in fondo all'anima. Mentre i colori si spalmano su ogni angolo, su ogni curva e insenatura: i prati del Nord diventano giada trasparente, quarzo le sabbie coralline e rubino i cuori, come quelli degli eroi antichi e dimenticati. Il sole è un grosso pezzo d'ambra che suda nel cielo e e cola e fa piovere oro sulle ciglia delle sirene, sui capelli delle donne per far perdere l'aureola ai santi e l'dentità agli angeli. Ogni ombra è mandata in esilio sulla luna. E la luce dell'estate fa brillare terra e mare più del cielo. Così, le stelle, tutte piene di quella visione divina, dopo quella grande abbuffata di cose sublimi, cominciano a tremare e ad avere le vertigini come in preda alla sindrome di Stendhal. E le più delicate, le più sensibili, poi, perdono i sensi e precipitano giù. Alcune fino in fondo al mare.

Nessun commento:

Posta un commento